Madre Leonia Di Caprio

Madre Leonia, lampada ardente di Cristo

Sua Eminenza Rev. ma
Card. Pietro Parente

La virtù che più di ogni altra ha distinto Madre Leonia è stata la carità!

Madre Leonia Di Caprio è stata la quinta Madre Generale dopo Madre Isabella, fondatrice della Congregazione Suore Riparatrici del Sacro Cuore. La sua vita è una storia fatta di semplicità e di profonda devozione al Sacro Cuore. Nicolina, così era il suo nome di battesimo, nacque il 22 giugno 1912 a Roma da Salvatore e Anna Maria Misso, una famiglia facoltosa come si legge dai documenti conservati negli archivi della Congregazione. Entrerà a far parte della famiglia delle Suore Riparatrici del Sacro Cuore l’ 11 aprile 1931. Il postulandato, svolto a Napoli, ebbe inizio l’11 aprile 1931 e terminò il 15 ottobre dello stesso anno.

La conclusione del postulandato porterà Nicolina a iniziare un nuovo periodo di verifica vocazionale. È l’inizio del noviziato durato un anno: dal 15 ottobre 1931 al 15 ottobre 1932. Ancora una volta rimarrà Napoli la città della sua dimora. La professione perpetua avverrà il 15 ottobre 1939. Durante gli anni di professione temporanea, la nostra cara Nicolina continuò a studiare fino al conseguimento, prima del diploma per l’insegnamento nella scuola materna, poi del diploma per l’insegnamento nella scuola elementare. Se teniamo conto del periodo storico, quello di Nicolina fu un grande traguardo nel mondo della scuola. Nel 1946 Madre Leonia fu nominata Segretaria generale e dal 1949 al 1951 ricevette l’incarico di Superiora della casa di Caserta. Dal 1951 al 1952 fu Superiora della casa di Rossano acquisendo consensi ovunque.

L’Istituto “Maria SS Achiropita” (foto precedente) diventerà, anche grazie al contributo spirituale di Madre Leonia, un luogo vocazionale importante. Termini come mitezza, umiltà, disponibilità tipici di questa semplice suora mostreranno il modello della Religiosa Riparatrici da imitare per poter realizzare il progetto divino voluto da Dio attraverso Madre Isabella.

Ecco cosa scrivevano le sue consorelle di lei:

In Rossano vi dimorò soltanto un anno ma fu sufficiente per apprezzare le sue doti di affabilità, di sano equilibrio, di bontà materna per tutte: ragazze e suore e il suo profondo spirito religioso. Il suo spiccato senso di umanità, di comprensione e di benevolenza verso tutti le conquistarono la simpatia e la stima di tutti…1.

Seguono alcune immagini di Rossano che riproducono alcuni dei luoghi visitati e frequentati da Madre Leonia.

Nel 1952, anno del Capitolo Generale, Madre Leonia, eletta Vicaria Generale, dovette lasciare Rossano per Napoli dove, in quel tempo, si trovava la Casa Generalizia delle Suore Riparatrici del Sacro Cuore. Un nuovo incarico al fianco di Madre Annita Santomarco Superiora generale, che durerà ben 12 anni e che la porterà a viaggiare molto, sia in Italia che all’Estero. Ripercorrendo la sua storia si intravede perfettamente in lei un percorso di crescita spirituale, misto a una conoscenza della realtà quotidiana. L’esperienza, prima di Superiora locale, poi di Vicaria generale, arricchita di viaggi che la faranno entrare a contatto con la realtà vissuta dalle singole comunità, sono segni che assumono un significato profondo e non trascurabile, nella storia della Congregazione. Tratti che contribuiscono a mostrare come la volontà di Dio si è evidenziata nel tempo. Da Vicaria generale visitò il Venezuela per ben due volte: dal dicembre 1955 ad aprile 1956 e successivamente nel 1962.

L’elezione a Superiora generale, avvenuta nel Capitolo generale del 1964, non è altro che il culmine raggiunto da Madre Leonia per volontà divina attraverso le Capitolari. Un incarico di responsabilità che si protrarrà per ben 18 anni (1964-1982).

La Congregazione la ricorda così:

Dal 1964 al 1982 per ben diciotto anni ha ricoperto l’incarico di Superiora generale dell’Istituto dimostrando affabilità, amore per la Congregazione e profondo spirito religioso. Visse sempre la sua vita di fede e di vita interiore. Durante il suo lungo e saggio governo l’Istituto ha un notevole sviluppo spirituale e materiale.


Con Madre Leonia furono aperte nuove case in Italia:

  • Gorgonzola (Mi) (Oggi, questa casa è stata chiusa)
  • Rho (Mi) (Oggi, questa casa è stata chiusa)
  • Conche (PD)
  • Scandicci (FI)
  • Cadoneghe (PD)

La nuova Superiora generale guarderà con interesse anche al di là dell’Italia. Nelle Filippine vi giunse per la prima volta nel novembre 1977. Vi ritornerà il 20 ottobre 1980 per acquistare del terreno dove costruire un nuovo edificio scolastico. Nel 1981 Madre Leonia è nuovamente nelle Filippine per l’inaugurazione della nuova struttura. Manila è la città dove verranno aperte due nuove comunità: Merville e Multinational.
Il 22 luglio 1982, Madre Leonia lascerà l’incarico di Superiora generale assumendo quello di seconda Consigliera generale. Ritornerà alla Casa del Padre il 3 gennaio 1986. Di lei rimangono bellissime testimonianze che desideriamo condividere:

Accolse con forte senso di responsabilità quanto richiesto dal Concilio Vaticano II dando impulso all’aggiornamento del testo delle Regole e del Direttorio e, successivamente, verranno pubblicati una serie di scritti curati da Mons. Vincenzo Carboni:

  • Pensieri Spirituali (1974)
  • Le lettere (1976)
  • Seconda edizione della Spiritualità riparatrice (1978)

Continua la lettura
con Madre Gilberta Emma
Link


  1. dalle note conservate in Casa Generalizia relative alla descrizione di Madre Leonia di Caprio
  2. “Achiropita” (o Acheropita) dal gr. ἀχειροποίητος «non fatto da mano umana»